Blog

Latest Industry News

Possono andare per $ 8 a pillola e sono un farmaco di terza linea

Possono andare per $ 8 a pillola e sono un farmaco di terza linea

Entrambi gli studi sono stati commissionati dalla FDA dopo che il rosiglitazone (Avandia) ha avuto gravi effetti avversi, sollevando dubbi sulla sicurezza cardiovascolare dell’intera categoria di farmaci per il diabete. Uno degli studi iniziali condotti sulla scia della richiesta della FDA riguardava un altro inibitore della DPP-4, saxagliptin (Onglyza); quel processo ha trovato un segnale per insufficienza cardiaca.

"Da un punto di vista regolamentare, come si è arrivati ​​a questo punto?" ha chiesto Allison Goldfine, MD, del Joslin Diabetes Center, in una sessione orale presentando i risultati TECOS qui. Dal 1995 al 2008, il controllo glicemico è stato il principale risultato degli studi, che di solito sono durati 6 mesi, ha detto. Le malattie cardiovascolari e renali erano spesso esclusive in questi studi. E se erano disponibili dati cardiovascolari a lungo termine, erano incontrollati, ha aggiunto.

"Questa era la foresta in cui abbiamo camminato," ha detto, e le prove disponibili non hanno fornito ai medici una comprensione abbastanza buona se i farmaci fossero sicuri per l’uso nei loro pazienti che erano a rischio più elevato. Molti di questi pazienti diabetici hanno un rischio da due a quattro volte di malattie cardiovascolari, inclusa la morte, e molteplici comorbidità condivise.

Ma sulla scia di questi nuovi risultati, Goldfine ha detto che è ora di fare un passo indietro e porre altre domande su queste prove. "I molteplici studi in corso chiedono e forniscono risposte alle domande cliniche più importanti?" Si fermò prima di una risposta diretta, invece dicendo, "Questo è un argomento che dovremo discutere come comunità per informare su come andare avanti al meglio nei nostri processi normativi e su ciò di cui abbiamo bisogno per garantire la cura dei nostri pazienti."

Prove costose, farmaci costosi

"Il senno di poi è una cosa meravigliosa," ha detto l’investigatore TECOS Rury Holman, MedSci, presso l’Università di Oxford, in una conferenza stampa qui domenica, quando gli è stato chiesto se i processi valessero i costi.

"Penso che fosse opportuno stabilire misure di salvaguardia," ha detto Holman. "Ora sappiamo che non c’è differenza, quindi è facile dire che avremmo potuto fare qualcos’altro."

Ma ha aggiunto che se i soldi verranno spesi per queste prove, dovrebbero essere più lunghe e dovrebbero coinvolgere più agenti in ciascuna prova in modo da ottenere alcuni dati comparativi. "Ma questo è un desiderio" Egli ha detto.

Robert Eckel, MD, della University of Colorado School of Medicine e un ex presidente dell’American Heart Association, ha affermato di far parte di un gruppo di esperti della FDA che ha discusso se questi studi fossero necessari. Dopo che sono emerse le preoccupazioni sul rosiglitazone, sono state utilizzate molte risorse.

"Penso che dobbiamo farlo in modo diverso," Egli ha detto. "Non dovremmo aumentare il costo dei farmaci per fare prove di sicurezza quando, in effetti, una sufficiente valutazione in aperto degli eventi può farci poi approfondire per dire cosa potrebbe essere preoccupante."

Ci sono domande che riguardano non solo i costi delle sperimentazioni, ma anche dei farmaci stessi. Gli inibitori DPP-4 sono "estremamente costoso," ha osservato Silvio Inzucchi, MD, presso la Yale School of Medicine. Possono andare per $ 8 a pillola e sono un farmaco di terza linea. Ha aggiunto che il costo della lixisenatide per prevenire gli eventi è "infinito" e ha detto che è difficile capire perché i soldi dovrebbero essere spesi per testare una classe di farmaci che hanno prestazioni simili ad altri regimi ma costano molto di più.

"È possibile acquistare 10 anni di una sulfonilurea generica con un mese di un agonista GLP-1 a dose massima," Egli ha detto. "Parliamo di articoli di lusso tre o quattro volte più costosi, ma ora nei medicinali per il diabete stiamo assistendo a aumenti di 100 volte da un farmaco all’altro."

Ha detto che la giustificazione per l’utilizzo dei farmaci per il controllo del glucosio deve essere basata "non solo sui loro effetti sulle complicazioni, ma anche sulla facilità d’uso e sulla qualità della vita."

E Joel Zonszein, MD, dell’Albert Einstein College of Medicine di New York, ha affermato che i soldi che sono andati alla sperimentazione avrebbero dovuto invece essere investiti nella prevenzione del diabete, o almeno per i farmaci assunti precocemente nel corso del diabete di un paziente. "Si possono investire milioni di dollari per curare il diabete nelle prime fasi della malattia e per prevenire la malattia, invece di avere questi studi sulla sicurezza cardiovascolare che sono terribilmente costosi e non hanno portato a nulla di sorprendente finora," ha detto in un’intervista a MedPage Today.

Holman ha affermato che gli studi hanno generalmente fatto quello per cui erano stati progettati – mostrano che non c’è stato alcun aumento del rischio cardiovascolare rispetto al placebo – ma che solo gli studi con un follow-up più lungo saranno in grado di alleviare tutte le preoccupazioni.

"Le persone soffrono di diabete di tipo 2 per tutta la vita e gli studi che durano 1 e 2 anni sono un po ‘difficili da interpretare," Egli ha detto. "Se fossimo in grado di continuare così più a lungo, ovviamente, potrebbe essere possibile – chi può dirlo? – che vedremmo benefici in futuro, o forse rischi."

Questo articolo è una collaborazione tra MedPage Today e:

Dopo più di un decennio di negazione delle richieste di nuovi farmaci dietetici, la FDA ha autorizzato cinque prodotti potenzialmente dannosi sul mercato negli ultimi 3 anni – due negli ultimi 4 mesi.

L’agenzia ha approvato i farmaci nonostante il potenziale di gravi effetti collaterali, tra cui pensiero suicida, aumento della frequenza cardiaca e rischio di cancro, e nessuna prova che i farmaci migliorino il principale problema di salute rappresentato dall’obesità: danni cardiovascolari come attacchi di cuore.

I critici temono che i nuovi prodotti ripeteranno gli errori dietetici del passato, che hanno portato a decenni di feriti, morti e, alla fine, prodotti esclusi dal mercato.

L’inversione di rotta della FDA arriva dopo le pressioni delle aziende che producono i farmaci, delle società mediche che ottengono finanziamenti da quei produttori di farmaci e persino del Senato degli Stati Uniti – dove trovano anche acquirenti farmaceutici – che nel 2011 ha chiesto alla FDA di approvare nuovi trattamenti per l’obesità.

Un’indagine del Milwaukee Journal Sentinel / MedPage Today ha rilevato che i produttori di farmaci dietetici hanno pagato almeno $ 9 milioni ai medici per promuovere i loro prodotti e alle società mediche che ne sostengono l’uso nel solo 2013.

Quelle stesse aziende hanno anche speso 51 milioni di dollari facendo pressioni sul Senato degli Stati Uniti e sulla FDA su una serie di questioni, inclusa l’obesità, negli ultimi 5 anni, come mostrano i dati.

Nonostante la ricerca medica di lunga data per ridurre il girovita e migliorare la salute, nessuna dieta o farmaco dimagrante ha dimostrato di ridurre attacchi di cuore, ictus o decessi cardiovascolari.

Ciò include le miscele popolari negli anni ’40 fino agli anni ’60 conosciute come "pillole arcobaleno" – una miscela di anfetamine, ormone tiroideo, lassativi e tranquillanti che ha causato dozzine di morti.

È anche vero per la combinazione di farmaci fenfluramina e fentermina – erogan recensioni negative fen-phen – che è stata ritirata dal mercato nel 1997 dopo che si è scoperto che aveva causato danni alle valvole cardiache in migliaia di utenti.

Comprende anche il farmaco Meridia, che è stato in uso per 13 anni fino a quando non è stato ritirato dal mercato nel 2010 perché collegato all’aumento di infarti e ictus in un ampio studio clinico avviato solo dopo la sua approvazione negli Stati Uniti nel 1997.

In effetti, sulla scia dei problemi di fen-phen, la FDA ha respinto tutti gli sforzi delle case farmaceutiche per ottenere l’approvazione per nuovi farmaci dimagranti tra il 1999 e il 2012.

Da allora, ha approvato quattro farmaci per la perdita di peso: Belviq, Qsymia, Contrave e Saxenda. Un altro, Vyvanse, è stato approvato a gennaio per una condizione nota come disturbo da alimentazione incontrollata.

In alcuni casi, i farmaci erano stati precedentemente approvati per il trattamento di condizioni diverse. Vyvanse, ad esempio, era stato usato per trattare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Saxenda, approvato a dicembre per la perdita di peso, era stato usato per trattare il diabete di tipo 2.

L’indagine del Journal Sentinel / MedPage Today ha rilevato 3.000 casi nel database di segnalazione degli eventi avversi della FDA in cui i farmaci usati come componenti in uno di questi nuovi farmaci dietetici erano il principale sospettato di morte di un paziente.

Altri 11.000 ricoveri sono stati segnalati con quei farmaci come principale sospettato.

Il bupropione generico, parte della formula di Contrave, è stato il principale sospettato in almeno 1.500 decessi di pazienti dal 2004, secondo i dati. La fentermina e il topiramato, i farmaci usati in Qsymia, sono stati collegati a un totale di 670 decessi.

Belviq è chimicamente simile alla fenfluramina, la parte fen della combinazione fen-fen che ha causato problemi alle valvole cardiache. I ricercatori affermano che il farmaco si rivolge a un recettore della serotonina leggermente diverso rispetto alla fenfluramina, uno che non si trova nel cuore e quindi non dovrebbe causare problemi alle valvole. Ma gli studi hanno mostrato tassi di valvulopatia numericamente più elevati con Belviq rispetto al placebo.

In una e-mail, Laurie Ostroff-Landau, portavoce di Eisai, che co-commercializza Belviq, ha affermato che la società aveva già avviato una sperimentazione a lungo termine sulla sicurezza cardiovascolare del farmaco.

Il processo per 12.000 persone, annunciato nel febbraio 2014, durerà 5 anni.

In una e-mail, Carin Ganz, portavoce di Vivus, il produttore di Qsymia, ha detto che i due farmaci che compongono Qsymia sono sul mercato, separatamente, da molti anni a dosi più elevate di quelle utilizzate in Qsymia.

"Siamo fiduciosi nel profilo di sicurezza ed efficacia di Qsymia," lei disse.

Il farmaco Contrave aiuta ad affrontare un bisogno insoddisfatto nel trattamento dell’obesità, ha detto in una e-mail Lori Rodney, un portavoce di Takeda Pharmaceuticals, che co-commercializza il farmaco.

"… Ci impegniamo a esplorare ulteriormente la sicurezza cardiovascolare di Contrave come parte dei requisiti post-marketing," lei disse.

Questi eventi avversi, oltre a molti altri potenziali effetti collaterali, devono essere valutati rispetto al principale vantaggio offerto dai farmaci, che, in alcuni casi, è una modesta perdita di peso.

"Se sei in sovrappeso al 40% e perdi il 5% o il 7% del tuo peso, è davvero una conseguenza?" ha chiesto Sanjay Kaul, MD, un cardiologo presso il Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, che ha anche fatto parte del comitato consultivo della FDA sui farmaci dimagranti.

Jeanmarie Perrone, MD, esperto di sicurezza dei farmaci presso l’Università della Pennsylvania, ha affermato che la spinta per i nuovi farmaci sembra essere guidata più da ciò che i consumatori e le aziende farmaceutiche vogliono che dal desiderio di migliorare la salute pubblica.

"C’è un grande mercato là fuori, quindi creiamo un mucchio di farmaci che provino ad affrontarlo," Perrone, un professore di medicina d’urgenza che ha partecipato a comitati consultivi sulla droga della FDA, ha detto del pensiero.

Back to top